Domande frequenti su Visual Studio App Center | Visual Studio - Visual Studio Skip to content
Domande frequenti su Visual Studio App Center | Visual Studio2020-04-01T14:49:08-07:00

Visual Studio App Center
Domande frequenti

Domande generiche

Visual Studio App Center ti permette di automatizzare e gestire il ciclo di vita delle tue app iOS, Android, Windows e macOS. Invia app con maggiore frequenza, con qualità più elevata e con maggiore sicurezza. Connetti il tuo repository e automatizza le tue build in pochi minuti, esegui test su dispositivi reali sul cloud, distribuisci le app ai beta tester e monitora l’utilizzo nel mondo reale con dati sugli arresti anomali e sulle analisi. Tutto in un’unica posizione.

Visual Studio App Center è la nuova generazione di HockeyApp. Stiamo aggiungendo l’integrazione continua e i test ai vantaggi offerti da HockeyApp a livello di distribuzione, analisi e segnalazione degli arresti anomali, per creare una soluzione completa che permetta agli sviluppatori di distribuire le app più velocemente e con maggiore sicurezza. In futuro Visual Studio App sarà la soluzione preferita da Microsoft per tutte le esigenze di distribuzione e gestione delle app.

Visual Studio App Center è la nuova generazione di Xamarin Test Cloud e include tutte le funzionalità di Xamarin Test Cloud e altro ancora. Gli utenti di test possono accedere a tutti i dispositivi e a tutte le funzioni disponibili in Xamarin Test Cloud e ad alcune nuove funzionalità, ad esempio i set di dispositivi e API migliori.
In caso di domande sulla fatturazione, fai clic qui. In caso di domande su qualsiasi servizio di App Center, accedi ad App Center e contattaci usando l’icona blu della chat nell’angolo inferiore destro della schermata.

Account e fatturazione

Puoi iniziare a usare gratuitamente Visual Studio App Center. Alcuni servizi sono completamente gratuiti e altri servizi offrono un livello Gratuito o una versione di valutazione gratuita. Per informazioni dettagliate sui prezzi, vedi qui.
I servizi di App Center vengono fatturati alla tua sottoscrizione di Azure.

Sicurezza e privacy

App Center usa macchine virtuali per compilare il codice. È disponibile una macchina virtuale pulita sottoposta a provisioning in modo specifico per la tua build, che viene rimossa al termine della compilazione. Anche i file caricati per la firma del codice e la password per il certificato vengono archiviati in modo sicuro nei nostri server.
Sì. Benché App Center vieti il caricamento di informazioni personali, Microsoft si impegna per assicurare la protezione per le esecuzioni dei test di diversi utenti:

  • Tutte le app installate durante un’esecuzione dei test vengono disinstallate
  • Tutte le risorse di archiviazione locali vengono cancellate dal dispositivo
  • Nei dispositivi vengono ripristinate le rispettive impostazioni predefinite

I tuoi test e i tuoi dati sono quindi sempre in esecuzione su un dispositivo pulito, in cui non sono presenti elementi relativi ad altri clienti.

Compatibilità

Abbiamo creato anche alcune integrazioni predefinite, tra cui procedure di compilazione per test e distribuzione in Azure DevOps e l’integrazione automatica del registro bug con Azure DevOps e GitHub.

Funzionalità

È attualmente disponibile il supporto per compilazione, distribuzione, arresti anomali e analisi per app iOS, Android, macOS e UWP. È attualmente disponibile il supporto per test per app iOS e Android. Sono supportate le notifiche push per iOS, Android, UWP, Windows Phone, macOS, React Native e Xamarin.

Per informazioni sulle altre piattaforme che saranno presto disponibili, vedi la nostra roadmap pubblica.

Assolutamente no. Anche se i servizi di App Center sono stati progettati per fornire un sistema integrato, sono anche completamente modulari, in modo da permetterti di usare i servizi che ti servono e di continuare a usare altri servizi ottimali per le tue esigenze. Offriamo oltre 200 API e un’interfaccia della riga di comando per fornire agli sviluppatori la flessibilità completa per potere scegliere quali servizi usare e come.
La nostra roadmap pubblica attuale è disponibile qui. Nota che valutiamo costantemente le esigenze dei nostri clienti in modo da adeguare la roadmap, quindi inviaci suggerimenti sugli elementi che vorresti fossero inclusi!
Sono attualmente supportati i repository Git ospitati su GitHub, Bitbucket e Azure DevOps. Per altre informazioni, vedi Connessione a un repository di origine.
Per i repository ospitati su GitHub sono supportati solo i moduli secondari Git su HTTPS. Per i repository ospitati su Bitbucket o Azure DevOps sono attualmente supportati solo i moduli secondari Git non autenticati.
No. App Center effettua automaticamente il provisioning di agenti di compilazione Mac sicuri nel cloud, per consentirti di compilare le tue app iOS ovunque ti trovi, in qualsiasi momento e senza dipendenze da un computer Mac fisico.
La compilazione supporta attualmente app scritte in Objective-C, Swift, Java, C# (Xamarin) e JavaScript (React Native). Per informazioni sugli altri linguaggi che saranno presto disponibili, vedi la nostra roadmap pubblica.
Per offrire la massima garanzia di qualità ottimale per scenari concreti, tutti i test per l’interfaccia utente iOS e Android vengono eseguiti su dispositivi reali.
Sono attualmente supportati Appium, Calabash, Espresso, Xamarin.UITest e XCUITest. I team che selezionano per la prima volta un framework di test preferiscono in genere usare il framework nativo per la propria piattaforma:

  • Espresso per app Android
  • Xamarin.UITest per app Xamarin multipiattaforma
  • XCUITest per app iOS

Appium potrebbe essere una scelta ottimale per i team con esperienza in Appium o Selenium oppure per i team con app non Xamarin che vogliono eseguire test multipiattaforma.

Un test di avvio è un semplice test facoltativo eseguito al termine di una compilazione riuscita per assicurare che la build risultante possa essere avviata in un dispositivo fisico reale. I test di avvio sono disponibili per tutti gli utenti di App Center che usano il servizio di compilazione e non richiedono alcun script di test.
I tester possono installare la versione più recente della tua app con una semplice notifica tramite posta elettronica e la selezione di un collegamento Web. Se hai integrato il nostro SDK nella tua app, il tester riceve un avviso se all’apertura dell’app è disponibile per il download una nuova versione e può quindi aggiornare l’app direttamente dall’avviso.

Puoi anche distribuire l’app tramite un URL pubblico. Se abiliti la pagina per il download pubblico, chiunque abbia l’URL e il cui UDID sia incluso nel profilo di provisioning potrà accedere all’app e scaricarla.

No, App Center non prevede alcun limite per il numero di tester beta o utenti dell’app. In iOS Apple limita il numero di dispositivi in base al programma degli sviluppatori. Vedi la domanda seguente.
Le dimensioni massime per una compilazione sono pari a 4 GB.
Per la distribuzione di build alfa, beta o aziendali su iOS devi registrarti al programma Apple Developer. Sono disponibili due programmi diversi:

Il programma Apple Developer ti permette di distribuire le tue app tramite App Store e per finalità di test tramite una distribuzione ad-hoc. Questo tipo di distribuzione è limitato a 100 UDID per tipo di dispositivo (iPhone, iPod, iPad, Apple Watch e Apple TV).

Il programma Apple Developer Enterprise Program è destinato alla distribuzione interna delle tue app aziendali o line-of-business senza che sia necessario raccogliere gli UDID. Non può essere usato per inviare app ad App Store.

Nota che sei responsabile della conformità con le condizioni Apple.

Anche se tutti i dati di analisi App Center scadono dopo 90 giorni, App Center Analytics ti permette di esportare in modo continuativo tutti i tuoi dati di analisi nell’archivio BLOB di Azure. L’archivio BLOB di Azure è un servizio per l’archiviazione di quantità elevate di dati di oggetti non strutturati, ad esempio testo o dati binari, a cui è possibile accedere ovunque nel mondo tramite HTTP o HTTPS. È possibile usare l’archivio BLOB per esporre pubblicamente i dati in tutto il mondo o per archiviare in modo privato i dati dell’applicazione. L’esportazione dei dati nell’archivio BLOB è una scelta ottimale nel caso in cui tu voglia avere un periodo di conservazione esteso ma non sia previsto necessariamente un accesso molto frequente ai dati. I dati verranno esportati ogni minuto e verrà creata una nuova sottocartella. I dati verranno archiviati con formato anno/mese/giorno/ora/minuto.

App Center offre due modi per esportare i dati, ovvero l’esportazione standard e l’esportazione personalizzata. L’esportazione standard ti permetterà di esportare i dati con un’esperienza con un clic, usando la sottoscrizione di Azure collegata all’app. L’esportazione personalizzata ti offrirà più flessibilità e le configurazioni verranno personalizzate in Azure.

App Center Analytics ti permette di esportare in modo continuativo tutti i tuoi dati di analisi in Azure Application Insights. Application Insights è un servizio di gestione delle prestazioni delle applicazioni che offre funzionalità di query, segmentazione, filtri e analisi di utilizzo per i dati relativi agli eventi di App Center. Aggiungendo App Center SDK all’app ed esportando i dati in una risorsa di Application Insights di tipo App Center potrai accedere alle funzionalità seguenti:

  • Application Insights – Analisi. Usa un linguaggio di query avanzato per analizzare i tuoi dati non elaborati relativi agli eventi e creare visualizzazioni. Puoi esportare i risultati delle tue query in PowerBI o Excel.
  • Utenti, sessioni ed eventi. Scopri quante persone usano ogni pagina e ogni funzionalità della tua app, quindi segmenta i dati in base a paese, browser oppure altre proprietà per capire perché.
  • Grafici a imbuto e flussi di utenti. Scopri in che modo gli utenti si spostano nella tua app. Identifica i colli di bottiglia. Scopri in che modo puoi incrementare i tassi di conversione ed eliminare le aree problematiche.
  • Conservazione. Scopri quanti utenti tornano per usare la tua app. Scopri dove e perché smettono di usarla.
  • Cartelle di lavoro. Crea cartelle di lavoro interattive che combinano visualizzazioni di analisi di utilizzo, query di Application Insights – Analisi e testo per condividere informazioni dettagliate nel tuo team.
Sì. Se usi Github o Azure DevOps e hai autorizzazioni sufficienti per configurare il registro bug, App Center può creare automaticamente problemi dagli eventi critici per velocizzare i tempi di risoluzione. Per istruzioni specifiche sulla configurazione del registro bug, fai clic qui.

Feedback